La Nostra Storia        

Pag. Iniziale

La Torre

Papa Giovanni XXIII

Il nostro Impegno

Il Ristoro Alpino

Contatti

Il 4 ottobre 1957, con solenne cerimonia, alla presenza della m.o. Padre Giovanni Brevi, d’Autorità, d’Alpini ed Amici, è inaugurato il Gruppo di

Sotto il Monte.

Promotori i “veci” Ravasio Francesco, Carissimi Giovanni, Carissimi

Giuseppe e molti “bocia”  tra i quali Ghisleni Guerino.

Nel 1958 alla guida del Gruppo succede a  Ravasio Francesco il “bocia” Ghisleni Guerino.

Su iniziativa e sotto la guida del Capo Gruppo Ghisleni , in quel periodo, iniziano i lavori di recupero del patrimonio monumentale del Colle di San Giovanni, e come primo intervento, negli anni 1969 – 1972, è risanata e ristrutturata la Cappellina Ossario.

Il 28 ottobre 1958, il Cardinale Angelo Roncalli saliva al Soglio di Pietro

con il nome di GIOVANNI XXIII.

Nel 1973 è eletto Capo Gruppo l’alpino Pier Carlo Carissimi  “Carleto”,

già Sindaco di Sotto il Monte durante il Pontificato di Papa Giovanni.

“ TE  RACUMANDE,  LASA  MIA  BURLA’  GIO’  OL  SAN  GIUAN  NE? “, così Papa Giovanni si rivolse  a  Carleto durante

un’udienza a Castel Gandolfo.

Il Gruppo faceva propria tale raccomandazione, ed iniziarono così i lavori

di ricostruzione del complesso monumentale della Torre di San Giovanni.

L’intervento fu imponente e comprese vari sterramenti, consolidamento

delle fondazioni, rinforzo della muratura millenaria, ricostruzione di parti diroccate o fatiscenti, nonché tutta l’impiantistica e le rifiniture.

I lavori si sono susseguiti nel tempo: nel 1980 arriva sul Colle , portato a

braccia da  “veci” e “bocia” e con l’incitamento di tanti amici, un vecchio

 

Click sull'immagine per ingrandirla

Anno di Fondazione 1957

  Capi Gruppo

       1957 - 1957   Ravasio Francesco

         1958 - 1972   Ghisleni Guerino

         1973 - 2000   Carissimi Piercarlo

         dal 2000         Formenti Italo

   Forza al 2005

        Soci Alpini       92     Amici degli Alpini  35

 

 

cannone 88/27, sulla Torre vengono sistemate le campane  (a spese della Parrocchia), si posa l’illuminazione della mulattiera che sale dal paese, si ripristina la vecchia strada comunale che sale dal Roccolino, si ricostruisce la Santella-Ossario, ed inizia a funzionare il Ristoro Alpino.

Grazie alla munificenza della famiglia Sala-Rossi, a ricordo del Maggiore degli Alpini Edoardo Sala, viene istituita nel 1981 una borsa di studio annuale per i figli degli Alpini di Sotto il Monte che frequentano la 5° classe elementare.

Si susseguono gli incontri con i Gruppo Alpini del Piemonte e del Veneto e nel 1982 si celebra il gemellaggio con il Gruppo di Perosa Argentina.

Nel 1992, grazie a Capo Gruppo “Carleto”, il Gruppo ha una Sede propria nel centro del Paese, in locali del Palazzo Comunale.

Il Capo Gruppo Pier Carlo Carissimi ci lascia per sempre per “andare avanti” il 18 gennaio 2000, a Lui  gli succede l’alpino Italo Formenti.

Provinas Patches cena

Il nuovo secolo  inizia  per  Sotto il Monte con un grande avvenimento: il 3 settembre è beatificato    Papa Giovanni. Gli Alpini sono in prima fila, come sempre,  al servizio della Comunità  ed a collaborare con le Autorità per le varie manifestazioni. Sul Colle S. Giovanni a lato della Torre millenaria viene innalzato un grande ritratto del nuovo Beato e la scritta “obbedienza e pace”.

 Nel 2002 i lavori a San Giovanni si possono considerare conclusi con la sistemazione delle facciate e la posa del nuovo orologio della Torre. Il 15 giugno con una grande manifestazione viene benedetta da mons. Loris Capovilla (già Segretario di Papa Giovanni) la  targa  che intitola la mulattiera che porta alla Torre  “Via degli Alpini”, riconoscimento voluto dell’ l’Amministrazione Comunale  quale segno per il del lavoro fatto.

 

Nel 2004  il Gruppo, dopo oltre 20 anni, organizza sul Colle la  1° Festa Alpina.